Giovedì, 15 Novembre 2018

Lirica dei Piccoli

Lirica dei piccoli

Lirica dei Piccoli (1999)

E’ stato il primo progetto del genere in Italia , con assunti metodologici individuati e teorizzati e giunto all’allestimento completo di opere nei Teatri .

Progetto depositato SIAE dell’Associazione Specchi Sonori per l’allestimento di opere musicali, del repertorio lirico e da camera, classiche e contemporanee, con allestimenti sperimentali, che utilizzano il video ed il teatro di figura, destinati anche ad un pubblico infantile.

Il progetto è dedicato all’artista Vittorio Podrecca, al suo “teatro dei Piccoli” ed alla sua opera di ricerca per il Teatro di figura negli anni ’20, in Italia.
Il nome “dei piccoli” è in omaggio allo storico teatro “dei piccoli” di Vittorio Podrecca che percorse negli anni ‘20 la strada di un teatro d’Arte, di sperimentazione e di alta qualità culturale con i modi e le forme del teatro di marionette, aprendolo ai bambini, ma anche al pubblico più vasto ed al contributo creativo di grandi artisti e compositori (Depero, Strawinskji fra gli altri).
La modalità uno spettacolo lirico rappresentato con teatro delle marionette e dei burattini è antica e conosce sul territorio nazionale svariate esperienze.
Lirica di piccoli si pone, invece, quale progetto originale e come novità assoluta perché non si limita ad una tecnica di rappresentazione, ma si prefigge una metodologia di ideazione per il genere con produzione stabile di spettacoli originali, dedicati.

Lirica dei piccoli individua una drammaturgia particolare per spettacoli di Teatro lirico che renda possibile un’ attualizzazione, una proposta di lettura, anche ad un pubblico non specialistico ed a quello dei bambini, nel rispetto assoluto della tradizione della musica lirica.

“Lirica dei piccoli” non è solo Teatro di figura in musica: i due linguaggi conservando i propri statuti e ricorrendo ai codici tradizionali come all’innovazione tecnologica, interagiscono con una assoluta pienezza di flessibilità di metodi, strumenti e materiali.
Gli elementi visivi (dalla scena, agli oggetti, alle figure variamente dimensionate), in forma plastica, grafica, ombre, proiezioni, video... concorrono tutti al racconto ed alla suggestione, con uno statuto drammaturgico e non decorativo.

1. Il progetto contribuisce alla diffusione della cultura musicale, conserva e diffonde la tradizione lirica, aprendone l’accesso ad un pubblico non necessariamente specialistico ed anche al pubblico infantile.
2. Lirica dei Piccoli consente anche il raggiungimento di una finalità didattica, per la diffusione della cultura musicale e della Lirica nelle scuole anche inferiori, in quanto prevede allestimenti di facile attuazione e replica ed in quanto consente una fruizione guidata di contenuti anche complessi.
Il metodo, fra l’altro prevede supporti registrati video/musicali, di facile diffusione nelle scuole.
3. Il progetto mette in luce la ricchezza di linguaggi espressivi, propri del Teatro di figura, la sua varietà di tecniche, di esperienze, a partire dalle tradizioni esistenti e giungendo ai possibili impieghi delle nuove tecnologie.
4. Il progetto contribuisce a restituire al genere teatrale della figura un valore di Teatro di “alta cultura”e di qualità, sfruttandone l’universalità, la semplicità e l’immediatezza del linguaggio espressivo.
5. Soprattutto, il progetto offre alla tradizione della musica lirica nuovi ed attuali modi di espressione.

Tra le Opere realizzate : Bohème di G. Puccini con La fondazione Festival Puccini Torre del Lago Puccini- 2006 in residenza Teatrale al Teatro Animosi di Carrara

Il Mondo della Luna di F.J Haydn con libretto di C. Goldoni – con il Festival Mozartiano di Rovereto 2009; Festival Contemporaneamente Barocco, Siena Teatro dei Rozzi 2009

Tosca di Giacomo Puccini in preparazione

Lirica dei piccoli - rassegna stampa

Lirica dei piccoli